ELETTROSMOG: LE SOLUZIONIdifenditi dall' elettrosmog

ELENCO DELLE SENTENZE

REGIONE TOSCANA,  nuovi limiti di esposizione più severi (aprile 2001)

 

 

Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato, recentemente, una mozione per limitare l’esposizione a lungo termine della popolazione alle onde elettromagnetiche, dettando un regolamento per l’installazione degli impianti e stabilendo limiti più severi di esposizione alle onde stesse, ovvero il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico considerati come valore di immissione.

La Regione non ha atteso l’attuazione a livello nazionale dei decreti e regolamenti di attuazione della recente legge 36/2001, indicando in 0.2 microtesla il livello di esposizione a lungo termine (oltre 4 ore) per gli elettrodotti ed in 0.5 Volt/metro, quello degli  impianti per telefonia cellulare, livelli questi che presumibilmente verranno adottati anche a livello nazionale.

Tali limiti si allineano con i valori indicati e consigliati come non nocivi da diversi studi scientifici di carattere epidemiologico e da una normativa, in particolare, la Legge della Regione Veneto relativa alla “ prevenzione dei danni derivanti dai campi elettromagnetici generati da elettrodotti. Regime transitorio”, già oggetto nel 1997 di giudizio di legittimità costituzionale, su ricorso del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Ricorso respinto dalla Suprema Corte, che ha dichiarato non fondata ed inammissibile la questione di incostituzionalità sollevata, affermando quindi la legittimità della legge stessa (Corte Cost. sentenza n. 382 del 1999), che, dopo un periodo di moratoria, per decisione dello stesso legislatore, è entrata in vigore il primo gennaio 2000.

ELENCO DELLE SENTENZE